L come “La più amata.” (o T come Teresa Ciabatti)

1496129834275.jpgTeresa Ciabatti è la figlia, la gioia, l’orgoglio, l’amore del Professore Lorenzo Ciabatti, primario dell’ospedale di Orbetello, medico di grande fama nazionale e internazionale, formatosi molto giovane in America, talentuoso e modesto, un benefattore, un santo, dice qualcuno. Amato e temuto da tutti, Teresa è la sua figlia adorata, speciale, viziata, cresciuta tra agi smisurati, in case maestose come pochi potevano permettersi allora. In Versilia, in quegli anni, quasi nessuno era proprietario di un’immensa villa con piscina, forse solo gli Agnelli. E Lorenzo Ciabatti. Continua a leggere

Annunci

A come “Anna sta mentendo.” (o F come Federico Baccomo)

67577hCosa fareste se un banner pubblicitario comparso improvvisamente sul vostro smartphone, vi invitasse a scaricare un’applicazione in grado di svelarvi se le persone con cui state scambiando messaggi vi stiano dicendo la verità o vi stiano mentendo? Ignorereste l’invito o vi fareste convincere? E cosa vi aspettereste, poi? E se l’applicazione funzionasse veramente e voi verreste a scoprire bugie e verità di relazioni mai messe in discussione prima? Continua a leggere

V come “Vento traverso.” (o A come Anna Pavone)

apvtNon è facile per me raccontarvi “Vento Traverso”. L’emozione provata martedì sera, durante la presentazione in #scatolalilla, me la porto ancora addosso, non mi lascia. E’ da ieri mattina che continuo ad ascoltare la registrazione dell’evento, il lavoro di post-produzione fatto da Andrea Spampinato che fonde le nostre voci con la sua musica, fino a farci diventare tutti una cosa sola. Continua a leggere

L come “La passione secondo Matteo.” (o P come Paolo Zardi)

zardiMatteo, un uomo inquadrato nei rigidi schemi di una vita “per bene”, con una famiglia “normale”, nata da un amore “normale”, un lavoro serio, e una salda fede cristiana, mentre si trova al mare, in vacanza con la moglie e i due figli gemelli, riceve inaspettatamente una telefonata che cambia i suoi piani e, irrimediabilmente, anche la sua vita.

Giovanni, un padre assente, con cui lui non è cresciuto, che non ha mai conosciuto veramente, gli chiede, per favore, di partire con urgenza, di raggiungerlo in Ucraina, dove risiede adesso. Continua a leggere