J come “Just kids.” (o P come Patti Smith)

just kidsSiamo a Coney Island, sono gli anni ’70 e, sulla Promenade, ci sono due ragazzi che passeggiano, vestiti in un modo un po’ eccentrico, non sono famosi, ma lo diventeranno perché sono speciali, perché siamo a New York, sono, appunto, gli anni ’70 e l’arte, qualunque forma d’arte, era qualcosa che davvero poteva accadere, che permeava la vita, alla quale si poteva dare tutto e che ti poteva dare tutto. Insomma, ci sono questi due ragazzi che passeggiano e ci sono anche due turisti, passeggiano anche loro sulla Promenade, sono un po’ avanti con l’età e hanno una macchina fotografica in mano, di quelle che facevano uscire le foto subito dopo averle scattate, e vedono questi due ragazzi, pensano che siano famosi e chiedono di poter fare una foto, ma, mentre stanno per scattare, la signora esclama “Oh, no! They’re just kids!”, sono solo dei ragazzi. Quei due ragazzi erano Patti Smith e Robert Mupplethorpe e famosi lo sarebbero diventati eccome. Continua a leggere

Annunci

L come “La Viaggiatrice di O. Nel labirinto”. (o E come Elena Cabiati)

copertina-la-viaggiatrice-ivan-214x300

Di ritorno dall’avventura veneziana, Gala si ritrova nuovamente a Torino, cercando di condurre una vita il più ordinaria possibile, se mai ordinaria possa essere la vita di una maga adolescente, poco disposta a curarsi degli interessi e delle abitudini dei suoi coetanei.

L’avventura di Venezia l’ha messa a dura prova, faccia a faccia con una realtà che non ha risparmiato alcun dolore, né a lei, né ai suoi compagni di viaggio, ed ora, Gala, Kundo e Aron cercano in tutti i modi di rimettere insieme i cocci e curare le ferite del corpo e dell’anima. Continua a leggere

V come “Ventiquattro secondi”. (o S come Simone Marcuzzi) #ibc16 n° 10

ventiquattro secondiAutobiografia del primo italiano a giocare in NBA. E poco importa se io ho capito solo verso la fine che si tratta di un personaggio inventato. Giuro.

Vittoriano Cicuttini vive ad Ipplis, vicino a Cividale del Friuli, con il padre, nella vecchia casa dei nonni. Di notte ascolta i muri della sua stanza per sentire la voce della mamma, perché lui non sa dove sia, non ha idea di dove l’abbiano messa, sa solo che tutti i suoi compagni ne hanno una e lui no. Continua a leggere

C come Cristina Di Canio. “La libreria delle storie sospese”, una #scatolalilla dove i sogni diventano realtà.

di-canioIn tanti aspettavamo questo momento da molto tempo. L’abbiamo sentito vibrare nell’aria da mesi, abbiamo visto crescere l’ansia e l’emozione negli occhi della nostra libraia del cuore, colei che da ieri, 5 maggio 2016, esordisce come scrittrice del cuore con il suo già amatissimo romanzo “La libreria delle storie sospese”, Rizzoli.

Cristina Di Canio non è una scrittrice, anche se poi, magari, leggendo questo libro, scopriremo che invece è ANCHE questo. Cristina è una “spacciatrice di sogni” che nel 2010, a soli 26 anni, decide di seguire il suo, di sogno, molla un lavoro a tempo indeterminato e apre una piccola libreria di quartiere, “Il mio libro”, a Milano, in Via Sannio 18, una via che non è di passaggio, che se la vuoi trovare ci devi andare di proposito. Decide coraggiosamente di voler essere felice, nonostante la consapevolezza del rischio. Continua a leggere

L come “L’Amore è una Favola.” (o A come Annarita Briganti)

GIOIAEd eccola di nuovo qui, la nostra #GioiaLieve. L’avevamo lasciata su un volo, diretta a Valencia, alla ricerca di una figlia tutta sua, con tutti i mezzi e a tutti i costi.

E’ tornata a Milano, #Gioia, la città che la ha adottata. E’ tornata cambiata e più forte, nonostante tutto, decisa più che mai a prendersi dalla vita ciò che vuole veramente e ciò che le spetta, senza compromessi, senza ripieghi.

Piena di impegni, con il lavoro che non la fa fermare un attimo, uno sfratto imminente e uno stalker che la disturba sempre di più. Le viene richiesto di scrivere la prefazione al catalogo della mostra Rebel Hearts di #GuidoGiacometti, scultore figlio d’arte che cerca di superare la superiorità del padre attraverso le sue opere, definite “installazioni sentimentali”.  Continua a leggere