“Gli stonati.” (AA.VV. a cura di Alessio Romano)

Cover_140x200+5mmQuesto “manifesto letterario”, questa antologia, curata da Alessio Romano per NEO.Edizioni, è una vera e propria chiamata alle armi in favore della legalizzazione della Cannabis, in memoria di Marco Pannella e nel rispetto di una proposta di legge ancora in discussione e della quale si continuano a perdere le fila. Continua a leggere

Annunci

L come “La passione secondo Matteo.” (o P come Paolo Zardi)

zardiMatteo, un uomo inquadrato nei rigidi schemi di una vita “per bene”, con una famiglia “normale”, nata da un amore “normale”, un lavoro serio, e una salda fede cristiana, mentre si trova al mare, in vacanza con la moglie e i due figli gemelli, riceve inaspettatamente una telefonata che cambia i suoi piani e, irrimediabilmente, anche la sua vita.

Giovanni, un padre assente, con cui lui non è cresciuto, che non ha mai conosciuto veramente, gli chiede, per favore, di partire con urgenza, di raggiungerlo in Ucraina, dove risiede adesso. Continua a leggere

B come “Briciole dai piccioni.” (o A come Alessandro Turati)

turati.jpgE’ lo stesso Alessio Valentino de “Le 13 cose”, ma non è lo stesso Alessio Valentino de “Le 13 cose”. Stavolta siamo davanti ad un’analisi lucida delle fondamentali tappe della vita (infanzia, adolescenza, alcolismo e disoccupazione) che hanno portato il protagonista a quello che è adesso o che dovrebbe essere, se stiamo a vedere che cosa la società vuole che noi siamo, dando retta alla sopravvalutata “presunta assunzione di responsabilità propria dell’adulto occidentale”. Continua a leggere

G come “Grandi momenti”. (o F come Franz Krauspenhaar)

GrandiHo fortemente voluto questo libro, fin dal primo giorno in cui l’ho visto, per due semplici motivi: il primo è che è uscito per NEO. Edizioni, alla quale mi lega ormai da anni una fede cieca, indissolubile e indiscutibile; il secondo è la copertina da sballo, quel cuore lì è un pugno dritto in faccia, l’ennesimo capolavoro di Toni Alfano.

Non conoscevo Franz Krauspenhaar, non avevo mai letto nulla prima, anche se poi mi è venuto in mente che a casa avevo già il suo “1975”, acquistato tempo fa (perché il titolo è il mio anno di nascita) e non ancora letto, ma devo dire che la scelta, basata unicamente sui due motivi di cui sopra, è stata azzeccatissima. Uno dei romanzi più forti, rabbiosi e coinvolgenti del mio 2016. Continua a leggere

M come “Mailand”. (o N come Nicola Pezzoli) #ibc16 n° 3

COPERTINA MAILANDIl ritorno di Corradino è stata una vera sorpresa, un fulmine a ciel sereno, un regalo di compleanno inaspettato. Chi ci pensava… Eccolo qua, è cresciuto Corradino, adesso ha 20 anni ed è diventato a tutti gli effetti uno studente fuori sede, come me, quando sono arrivata a Milano nel 1994.

Siamo nel 1987, Milano, la grande città per chi arriva dalla provincia, la città che ti riempie di speranze e che ti spaventa nello stesso tempo. La scelta dell’università, che poi, nella maggior parte dei casi, si rivela quella sbagliata. Continua a leggere