A come “(L’) Analfabeta” (o A come Agota Kristof)

L'ANALFABETAIn undici capitoli, racchiusi in poco piu’ di 50 pagine, c’è tutto l’essenziale che la Kristof poteva raccontarci della sua vita e di ciò che la scrittura ha fatto nella e della sua vita.

Undici piccoli capitoli, la sua infanzia, l’amore sfrenato per la lettura, il fatto che già a quattro anni sapesse leggere, l’infanzia felice con la sua famiglia, la guerra, la povertà, la solitudine in un collegio dal quale voleva assolutamente scappare, pezzi di storia, come la morte di Stalin, il dopoguerra,  l’amore per la lingua materna, la fuga in Austria, l’emigrazione a Losanna, in una terra sconosciuta, che la pone di fronte ad una lingua sconosciuta, nemica, e la fa diventare, ormai adulta, un’analfabeta, una che deve ricominciare da capo, perché nulla, di ciò che c’era prima, esiste piu’. E della scrittura, come unica cosa che potesse tenerla in vita. E la sfida per doverlo fare in una lingua che non è la sua.   Continua a leggere

Annunci