D come “Dentro”. (o S come Sandro Bonvissuto)


dentro“Ma lo dice perché è stato dentro?” “Ma chi se ne fotte perché è stato dentro?” Dentro è dentro, è il silenzio, è la cella con un buco per pisciare e i panni appesi ad una cordicella che non si può avere, è una libreria vuota tranne per il Don Chisciotte senza copertina e a cui mancano delle pagine, è IL MURO, il più spaventoso strumento di violenza esistente che non si è mai evoluto, perché è nato già perfetto; dentro è una diarchia nata per caso, o per forza, o per fortuna; dentro è non lo so; è la solitudine in una collosissima giornata d’estate; dentro è lo sguardo di un figlio che incontra lo sguardo di un padre e trova il senso ad un’infintà di cose; dentro è un giorno, un’ora, una storia.

Non ho nient’altro da dire su questo libro, se non che non mi sentivo così, come quando ti assestano un bel pugno nello stomaco e ti manca il respiro per un sacco di tempo e ti gira la testa e vedi solo un miliardi di puntini ballare davanti ai tuoi occhi da molto, molto tempo, dai tempi di “Dio Taglia 60” di Gianluca Merola. Finisci di leggere un libro, lo chiudi, te lo tieni un po’ stretto sulla pancia e con la testa te ne stai lì a galleggiare in una dimensione parallela e quasi ti dimentichi di respirare.

DENTRO – SANDRO BONVISSUTO

EINAUDI

PREZZO DI COPERTINA: € 12,00

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...