C come “(La) conta delle lentiggini” (o F come Flavia Ganzenua)


la-conta-chiusoLa favola di Barbablu non è mai stata la mia preferita. Però è quella che mi è rimasta più impressa nella mente. Non mi sono mai data pace per quella chiave sporca di sangue che non si poteva lavare, l’ennesima metafora del peccato, della disobbedienza che non si può cancellare.

Una raccolta di racconti che oscilla costantemente tra un passato che non c’è più, un presente che non è mai come si vorrebbe e un futuro che non ci sarà, una sorta di trappola in un mondo sospeso tra favola e realtà, personaggi incastrati in mondi che non vogliono, con l’eterna sensazione di essere la persona sbagliata nel posto sbagliato.

E la necessità del dolore per sentire la vita, o per ricordarsi di com’era quella vita che non c’è più e che non ritornerà.

“Avevo bisogno di sentirti. Ho acceso una sigaretta. Ho scelto un punto preciso, lo stesso che avevi scelto tu, sul polso, l’ho spenta lentamente, e tutto è tornato a posto.”

LA CONTA DELLE LENTIGGINI – FLAVIA GANZENUA

CaratteriMobili

PREZZO: € 10,00

Progetto grafico di Michele Colonna.

SOSTENIAMO L’INIZIATIVA “FUORI DAL FANGO”!

Annunci

2 thoughts on “C come “(La) conta delle lentiggini” (o F come Flavia Ganzenua)

    1. Mi è piaciuto, senza l’entusiasmo che ho provato per altri libri, ma mi è piaciuto.
      Sono passata sul tuo blog, e noto con piacere che ci sono molti libri che ci accomunano.
      Ciao!

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...