V come “Vento traverso.” (o A come Anna Pavone)

apvtNon è facile per me raccontarvi “Vento Traverso”. L’emozione provata martedì sera, durante la presentazione in #scatolalilla, me la porto ancora addosso, non mi lascia. E’ da ieri mattina che continuo ad ascoltare la registrazione dell’evento, il lavoro di post-produzione fatto da Andrea Spampinato che fonde le nostre voci con la sua musica, fino a farci diventare tutti una cosa sola. Continua a leggere

L come “La passione secondo Matteo.” (o P come Paolo Zardi)

zardiMatteo, un uomo inquadrato nei rigidi schemi di una vita “per bene”, con una famiglia “normale”, nata da un amore “normale”, un lavoro serio, e una salda fede cristiana, mentre si trova al mare, in vacanza con la moglie e i due figli gemelli, riceve inaspettatamente una telefonata che cambia i suoi piani e, irrimediabilmente, anche la sua vita.

Giovanni, un padre assente, con cui lui non è cresciuto, che non ha mai conosciuto veramente, gli chiede, per favore, di partire con urgenza, di raggiungerlo in Ucraina, dove risiede adesso. Continua a leggere

L come “L’Arminuta.” (o D come Donatella Di Pietrantonio)

l'arminutaL’Arminuta, come la chiamano in paese, è la ritornata, è quella che un giorno qualunque si ritrova, con una valigia in mano e una sacca che contiene le sue scarpe, a salire le scale di una casa che non conosce, a rientrare nella vita della sua famiglia di origine, una famiglia che lei non ha mai vissuto, in cui si sente estranea, allontanata quando aveva solo sei mesi, e adesso rifiutata, restituita al mittente, senza capire perché, dai genitori che l’hanno cresciuta. Un pacco, spostato a piacimento, come se fosse semplice ritrovarsi, di punto in bianco, a non avere più riferimenti, a non sapere più chi sia la madre, chi sia il padre, che tipo di vita debba condurre d’ora in poi. Continua a leggere

L come “Le nostre anime di notte.” (o K come Kent Haruf)

HARUFDue anime sole che si prendono cura l’una dell’altra perché “non è mai troppo tardi per essere felici”.

Siamo ancora a Holt, un luogo ormai familiare, e, ancora una volta, Haruf ci fa incontrare personaggi ai quali poi si finisce per voler bene, per affezionarsi.

Un giorno qualunque, Addie Moore, ormai vedova da diversi anni, si ferma a casa di Louis Waters, anche lui rimasto solo da tempo, e gli propone, così, senza troppi giri di parole, di passare le notti insieme, per parlare, per farsi compagnia, per stare bene. Continua a leggere